Panasonic ET-D75LE90 e ET-DLE030, dài spazio alla tua creatività

Panasonic ET-D75LE90 e ET-DLE030, dài spazio alla tua creatività

Montando le ottiche ultra short throw di nuova concezione ET-D75LE90 sui proiettori Panasonic 3 chip DLP, e ET-DLE030 su single chip DLP Panasonic, è possibile accorciare la distanza di proiezione di circa il 60%. Questo enorme risparmio di spazio consente di utilizzare in modo efficace l’alta luminosità e superba qualità delle immagini dei proiettori DLP Panasonic in luoghi in cui prima non era possibile.

Panasonic_et-d75le90_cvrimg

Nuova Ottica short throw per proiettori 3-chip DLP

Un’ottica da utilizzare quando lo spazio è ridotto, oppure è necessario posizionare il proiettore molto vicino allo schermo, per ottenere dimensioni da 120 a 600 pollici.

L’ET-D75LE90 (foto sopra) è un’ottica fissa, di tipo ultra corto, dedicata ai proiettori Panasonic 3-chip DLP. Il rapporto di tiro, a seconda della risoluzione, varia da 0,36:1 a 0,40:1. È così possibile proiettare immagini da 120 a 600 pollici ad una distanza variabile da 1 a 5 metri circa. Un esempio: con l’ET-D75LE90 la vicinanza del proiettore PT-DZ21K (20mila ANSI Lumen) dallo schermo si riduce del 60%, rispetto all’ottica ET-D75LE50.

La distanza del proiettore dallo schermo è proporzionale alla perdita di luminosità. Aumentando la distanza si incrementa la perdita, avvicinandosi allo schermo la perdita diminuisce.

Quando si devono affrontare installazioni che richiedono l’utilizzo di potenti proiettori come il PT-DZ21K da 20mila Lumen, la possibilità di avvicinarsi sensibilmente allo schermo di proiezione rappresenta un valore aggiunto determinante. Inoltre, in configurazione edge-blending con l’ottica ultra-corta di Panasonic si possono progettare soluzioni fortemente innovative, prima non possibili, che sfruttano anche il vantaggio di posizionare in verticale gli stessi proiettori.
I mercati interessati a questa configurazione ottica sono i più diversi: dal projection-mapping al mondo dello spettacolo, dai musei ai parchi a tema, dal digital signage alle show-room e ai flagship store.

Soluzioni particolarmente innovative e creative. Ad esempio, la proiezione in un teatro di immagini sul fondo del palcoscenico: con i proiettori posizionati alle spalle di attori e ballerini, si realizza un ambiente ideale sia per gli artisti che non vengono disturbati da proiezioni frontali, sia per il pubblico che assiste ad una rappresentazione di alto valore scenografico.

Panasonic_ET-DLE030_witebackAnche per i single chip

L’ET-DLE030 (in foto), invece, è un’ottica fissa a specchio, progettata per dotare i videoproiettori Panasonic DLP a singolo chip di un’ottica ultra-short throw, anche in configurazione edge-blending. È destinata a espandere la gamma di soluzioni installate nel digital signage e  in ambito museale.

La distanza fra proiettore e schermo può variare da 82 cm a 2,85 metri per una superficie di proiezione che si estende da 100 a 350 pollici. Montata sul proiettore PT-RZ670 a tecnologia laser da 6500 Lumen, l’ET-DLE030 forma un’accoppiata di elevata qualità, per soluzioni dal TCO molto competitivo. Le applicazioni in cui possono trovare impiego sono molteplici: dalle stazioni ferroviarie a quelle della metro, al retail (interni e vetrine di negozi) declinato nelle varie soluzioni, dai teatri ai musei e ai parchi a tema.

business.panasonic.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Puoi usare HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*