Il Planetario Cité des Sciences et de l’Industrie sceglie il 4K Sony

Cité des Sciences et de l’Industrie

Cité des Sciences et de l’Industrie sceglie la tecnologia 4K di Sony PSE per il suo Planetario, che da oltre 30 anni offre ai visitatori esperienze di “intenso realismo” e presentazioni a 360°.

La Cité des Sciences et de l’Industrie di Parigi ha chiesto a Sony di attrezzare il proprio Planetario con la più potente tecnologia video disponibile sul mercato: il 4K. L’obiettivo era di portare l’esperienza avvolgente a un livello superiore, offrendo il massimo in termini di realismo, precisione e intensità delle immagini.

Cité des Sciences et de l’IndustrieMai così grandi in Europa
Da oltre trenta anni la Cité des Sciences et de l’Industrie offre ai visitatori esperienze di “intenso realismo” grazie al suo Planetario, che assicura riprese coinvolgenti e presentazioni a 360°.

Nel desiderio di offrire ai propri 200.000 visitatori annuali un’esperienza ancora più ricca, la Cité des Sciences et de l’Industrie ha deciso di sostituire i suoi proiettori con un sistema di proiezione ultramoderno. All’inizio del 2017 sono dunque state scelte soluzioni 4K di Sony PSE per rispondere alle necessità di risoluzione più elevata, maggiore contrasto e luminosità ottimale.

Cité des Sciences et de l’Industrie“Al fine di offrire ai nostri visitatori esperienze sempre migliori, dobbiamo rimettere regolarmente in discussione il nostro approccio alle tecnologie. Mediante la scelta di attrezzature in grado di trasmettere in risoluzione 8K, il Planetario della Cité des Sciences et de l’Industrie è diventato la prima location del genere in tutta Europa a offrire tale qualità. Oltre a scegliere Sony per la tecnologia, vogliamo anche circondarci di partner forti per raggiungere i nostri obiettivi. Abbiamo quindi scelto di intraprendere una partnership con RSA Cosmos, specialista in planetari, e con Vidélio, video integrator che ha una conoscenza approfondita dei problemi specifici relativi al mondo delle presentazioni”, ha commentato Fodil Yazid, Technical Manager responsabile del progetto di aggiornamento della Cité des Sciences et de l’Industrie.

Proiettori laser 4K Z-Phosphor per toccare le stelle
Oltre alla necessità per il planetario di ammodernare continuamente le sue strutture, si è evidenziata l’esigenza di aumentare l’uniformità della luce e dei colori.
A questo scopo, Sony ha proposto un dispositivo composto da dieci videoproiettori 4K VPL-GTZ280 che combinati insieme sono in grado di produrre una singola immagine in risoluzione 8K, per raggiungere livelli impareggiabili di risoluzione e qualità dell’immagine. Questi videoproiettori, assistiti da venti computer, sono in grado di proiettare un’immagine composta da circa 35.000.000 pixel, una risoluzione oltre 17 volte più dettagliata rispetto agli schermi HD disponibili nella stragrande maggioranza dei moderni televisori.

Per realizzare un progetto di tale portata, Sony ha collaborato con il creatore di planetari RSA Cosmos (che ha già equipaggiato più di 150 strutture di questo tipo in tutto il mondo) e con il fornitore di soluzioni video Vidélio, partner di lunga data che collabora con molti brand per gli eventi sportivi e culturali.

“Siamo particolarmente orgogliosi della collaborazione con un luogo iconico come il Planetario della Cité des Sciences et de l’Industrie. In effetti richiede la soluzione più potente attualmente disponibile sul mercato per portare il realismo delle immagini il più in là possibile e rendere l’esperienza dei visitatori più ricca”, ha dichiarato Philippe Remion, Sales Manager di Sony PSE.

Il Planetario della Cité des Sciences et de l’Industrie è il primo planetario 8K in Europa e il secondo nel mondo. Con i suoi 600 m² di cupola, è il più grande al mondo a offrire una risoluzione così elevata.

pro.sony.eu

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Puoi usare HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*