Be genius in Home & Building – Diventa un esperto di case ed edifici

Be genius in Home & Building – Diventa un esperto di case ed edifici

Al pensiero degli elevati requisiti di risparmio energetico, gli amministratori degli edifici stanno già cominciando a sudare. Ma le tecnologie di HMS Networks offrono sollievo. Le reti con condizionatori d’aria e tutte le altre utenze superano tutti i limiti dei protocolli. I consumi diventano trasparenti, tutti i dispositivi possono essere controllati centralmente.

Nelle tecnologie per gli edifici per spazi a uso commerciale, non è mai stato così importante mantenere al minimo il consumo energetico. Allo stesso tempo, i requisiti di comfort rimangono elevati. I posti di lavoro moderni dovrebbero contribuire a creare un clima di benessere, in modo che i dipendenti possano concentrarsi e svolgere il loro lavoro in modo creativo. La tecnologia di condizionamento dell’aria in combinazione con la tecnologia di ventilazione è di solito un componente elementare degli edifici a uso ufficio e per la produzione, ma anche degli alberghi, spesso a complemento di concetti quali l’attivazione del nucleo di calcestruzzo e un buon isolamento.

Gli edifici rappresentano ancora il 40% del consumo energetico globale e il 36% delle emissioni di CO2. È quindi una questione di buon senso implementare questi requisiti di comfort nel modo più efficiente possibile. Inoltre, la Direttiva UE 2018/244 stabilisce che gli edifici dotati di un sistema di condizionamento dell’aria o di un sistema combinato di condizionamento dell’aria e ventilazione con una capacità superiore a 290 kW devono essere dotati di un sistema di automazione e controllo degli edifici entro il 2025.

Basta con i consumi elevati

Ma in che modo l’automazione degli edifici contribuisce al risparmio energetico? Lo illustrano alcuni esempi: è possibile fissare temperature minime o massime nei locali a uso commerciale o a uso ufficio a livello locale o addirittura su più sedi, per evitare i tipici “valori anomali”. Se l’aria condizionata è abbinata a dei sensori, è possibile interrompere il raffreddamento non appena si aprono le finestre. Quante ore prima di occupare una stanza l’aria condizionata deve essere attivata automaticamente gli hotel non sono gli unici a volerlo sapere. E ancora, l’illuminazione artificiale può essere regolata automaticamente in base alla luce diurna al momento disponibile tramite un sistema di controllo dell’illuminazione.

La valutazione e il confronto dei consumi rivelano anche il potenziale di risparmio energetico. Che si tratti di più banchi frigo all’interno di un supermercato o del consumo di aria condizionata di più filiali di una catena di negozi, l’automazione degli edifici terrà traccia dell’aumento dei consumi. A volte si risparmiano “solo” i costi: se, ad esempio, un impianto fotovoltaico con batteria di accumulo fa parte di una rete, può essere utilizzato per mitigare in modo specifico i picchi di carico ciclici. Infine, ma non meno importante, i programmi di sicurezza, come la combinazione della tecnologia di climatizzazione con i sistemi antincendio, sono un aspetto importante che l’automazione degli edifici soddisfa.

La gamma di questi esempi rende evidente che un nuovo approccio riunirà idealmente le diverse “discipline” delle tecnologie per gli edifici. Invece di soluzioni isolate, i gestori degli edifici beneficiano di funzioni, processi e automatismi controllabili a livello centrale delle tecnologie per gli edifici.

Oltre tutti i confini di protocollo

In una soluzione globale si dovrebbe prima di tutto integrare tutti i dispositivi delle tecnologie per gli edifici in una rete e raccogliere i loro dati di consumo. Ciò solleva la questione di come si possa raggruppare le diverse interfacce e i diversi protocolli di dati e rendere i dati accessibili.

Intesis, un marchio di HMS Networks, comprende un portafoglio completo di gateway per la connettività globale nelle tecnologie per gli edifici. Con i gateway Intesis, è possibile integrare nel sistema di gestione degli edifici tutti i dispositivi o i consumatori di energia, indipendentemente dai protocolli di dati utilizzati. Perché le soluzioni Intesis supportano i protocolli comuni dell’automazione degli edifici.

Proprietario? Nessun problema.

Molti dei principali produttori di climatizzatori si affidano a protocolli proprietari. È qui che entrano in gioco le interfacce AC Intesis. Si tratta di speciali gateway per impianti di climatizzazione che costituiscono l’interfaccia tra il protocollo proprietario di un’unità di climatizzazione e il protocollo delle tecnologie di controllo degli edifici.

Sia che si utilizzi BACnet, KNX, Modbus o altri protocolli nelle tecnologie di controllo degli edifici, Intesis ha la soluzione giusta. Ciò significa che le unità di climatizzazione della rete possono comunicare in entrambe le direzioni, singolarmente o in gruppo. Tra l’altro, molte delle interfacce AC non richiedono un’alimentazione esterna perché sono alimentate da un’unità di climatizzazione e, se necessario, supportano anche le funzioni WLAN. Questo facilita il montaggio e la connettività rapida e sicura. Le interfacce CA consentono di integrare nel sistema di controllo dell’edificio le unità di climatizzazione di produttori rinomati, come Daikin, Hitachi, Panasonic, Mitsubishi Electric, solo per citarne alcuni.

A seconda della situazione dell’edificio e dell’applicazione, di solito nella rete vengono integrate ulteriori utenze. In questo caso può essere necessario integrare in un protocollo di automazione dell’edificio ulteriori protocolli di dati, ad esempio quelli provenienti dalle stazioni di ricarica per auto (OCPP), dal controllo dell’illuminazione (DALI) e dai contatori di elettricità, acqua e gas (M-Bus). A questo scopo Intesis offre convertitori di protocolli specializzati proprio in questi compiti. In questo modo è possibile riunire in un’unica rete tutti i dispositivi e i protocolli delle tecnologie per gli edifici. Anche in questo caso, la comunicazione dei dati avviene in entrambe le direzioni con dispositivi intelligenti: i dispositivi forniscono dati sul consumo e possono allo stesso tempo essere controllati.

Facile da usare: dall’installazione al funzionamento

In questo modo si gettano le basi per poter confrontare i valori di consumo nella fase successiva. Anche in questo caso, il potenziale di risparmio energetico è notevole, poiché è possibile confrontare tra loro i dati. Vengono rivelati i picchi di consumo e vengono rilevate le anomalie di consumo che si ripetono, cosa che fornisce le prime informazioni utili per i miglioramenti.

Essendo una soluzione molto semplice da utilizzare, il sistema Intesis porta a ulteriori vantaggi. Perché più semplice è l’applicazione, più facile è raggiungere gli obiettivi. Parola chiave carenza di lavoratori qualificati: qualora il personale addetto alla gestione degli edifici non avesse conoscenze tecniche approfondite, il sistema è comunque sicuro ed efficiente da utilizzare.

Ulteriori informazioni su https://www.intesis.com/it


Integrazione di vari dispositivi nel sistema di controllo degli edifici

Con i convertitori di protocolli, è possibile integrare i dispositivi di campo come i contatori di elettricità, acqua o gas nel sistema di controllo degli edifici. I convertitori collegano due reti diverse convertendo i protocolli. Sono supportati i comuni protocolli di automazione degli edifici come KNX, Modbus, BACnet, DALI, M-Bus. La configurazione e la messa in servizio dei convertitori di protocolli si effettuano rapidamente con il software associato.

Integrazione di unità di climatizzazione

Per l’integrazione di unità di climatizzazione nel sistema di controllo degli edifici, sono state sviluppate interfacce Intesis AC, gateway per unità di climatizzazione in collaborazione con i più noti produttori di condizionatori. Le interfacce AC sono disponibili per unità di climatizzazione di tutti i produttori più comuni, come Daikin, LG, Panasonic, Toshiba, Mitsubishi Electric e molti altri.