Connettività wireless per il lavoro in team

Connettività wireless per il lavoro in team

La tecnologia proprietaria per un’esperienza di conferenza più coinvolgente. Una soluzione che rende possibile il collegamento in pochi secondi fra il team in ufficio e i partecipanti alla riunione da remoto


CONFERENCE • Barco ClickShare Conference semplifica le riunioni in ufficio
INFO Comm-Tec Exertis Italy S.r.l. – Tel. 0546/622080 – www.exertisproav.it


Semplice, facile, wireless: Barco presenta così ClickShare Conference, tre parole per sintetizzare i pregi di una soluzione per conferenze ideata per funzionare con i sistemi per videoconferenza e un’ampia gamma di periferiche audiovisive USB (microfoni, soundbar e videocamere) esistenti, senza che siano necessari collegamenti fisici al proprio laptop con cavi e adattatori. Punto di partenza è l’evoluzione continua del moderno mondo del lavoro, un luogo sempre meno “fisico” con riunioni che si svolgono spesso in modalità “ibrida”, ovvero con alcuni dei partecipanti presenti in remoto. Una tipologia di svolgimento dei meeting che inevitabilmente il dilagare della pandemia ha reso ancor più attuale.

Il “Conferencing Button” consente in pochi secondi di connettersi in modalità wireless a videocamere, soundbar e altre periferiche USB audio-video.

La connettività rappresenta dunque un elemento fondamentale e ClickShare offre una tecnologia di collaborazione wireless progettata su misura dell’utente e della sua azienda. In particolare, il lavoro in team intuitivo, la condivisione senza problemi e la sicurezza avanzata sono i tratti distintivi di ClickShare Conference, lanciata da Barco in occasione di ISE 2020 con un approccio che viene definito BYOM (acronimo di Bring Your Own Meeting). Un sistema per conferenze wireless che permette, come sottolinea l’azienda con base in Belgio, di “portare con te la tua riunione ovunque e su qualsiasi dispositivo, connettendoti e collaborando con i colleghi da remoto con il minimo sforzo”. L’obiettivo è quindi quello di rendere le riunioni in modalità ibrida più intuitive e immediate, quanto quelle svolte di persona.

La famiglia dei dispositivi ClickShare è stata recentemente aggiornata con i nuovi apparecchi progettati e realizzati per favorire la partecipazione a ogni tipo di videoconferenza, sia che si svolga in ambienti come piccole aule attrezzate, sia in saloni meeting. Ed ancora, la soluzione Barco si caratterizza per la sua flessibilità, integrandosi con ogni software per videoconferenze, videocamera e laptop, indipendentemente dal fatto che si adotti il dispositivo base piuttosto che quello di fascia più alta. S

ono tre i modelli che compaiono nella nuova gamma ClickShare Conference. Tutti quanti integrano il “Conferencing Button” che consente in pochi secondi di connettersi in modalità wireless a videocamere, soundbar e altre periferiche USB audio-video presenti in riunione per una partecipazione più efficace. E a rendere l’esperienza di riunione più facile e intuitiva c’è anche l’App ClickShare che permette di connettersi facilmente alla sala riunioni, offrendo la possibilità di condividere lo schermo e moltissime funzionalità avanzate. Un’applicazione che funziona su tutti i dispositivi, dai computer desktop ai dispositivi Android e iOS.

Il primo modello, denominato CX-20, è concepito per l’utilizzo in aule attrezzate e piccole sale riunioni, offrendo comunque le funzionalità principali per collaborazione da remoto e conferenze wireless. Il modello CX-30, indicato per l’impiego in sale riunioni di medie dimensioni, aggiunge un set di funzionalità complete per l’interattività e la moderazione.

Infine c’è il modello CX-50, per sale riunioni di grandi dimensioni, che soprattutto permette un’esperienza audiovideo ancora migliore con la disponibilità di connettività fisica HDMI. Last but non least, la sicurezza. Ogni soluzione ClickShare Conference offre un alto livello di protezione. Infatti, tutte le interazioni che si svolgono durante il meeting vengono autenticate e crittografate. Il sistema, poi, viene costantemente aggiornato all’ultima versione anche per integrare le più recenti patch di sicurezza.