La festa della luce e dei sensi

La festa della luce  e dei sensi

Gli interruttori in bachelite e gli approssimativi sistemi oscuranti di una volta non sono che un lontano ricordo. Oggi la luce si controlla in modo rigoroso per mezzo di dispositivi eleganti quanto performanti come il tastierino Alisse e la tenda Palladiom di Lutron. E i nostri sensi, non solo la vista, esultano

Il nuovo tastierino Alisse di Lutron è una festa per almeno tre dei nostri cinque sensi: la vista, il tatto, l’udito. Non occorrono molte parole per dire perché sia una gioia per gli occhi: si tratta di un oggetto splendido, ricavato da una forma di ottone massiccio rifinita a mano e caratterizzata da un design senza tempo (“timeless”). Facente parte della linea Signature Metal Collection, Alisse è disponibile in una palette di eleganti finiture che vanno dall’“aged brass” al “matte black”, dal “satin nickel” al “brilliant white”. Dopo la vista, il tatto: l’ottone rifinito a mano e le scritte o le icone personalizzate e incise (“engraved”) nel metallo sono un godimento per le dita, che percepiscono un materiale più naturale, caldo e confortevole dell’asettica plastica. L’udito, infine, gioisce non solo per l’azione silenziosa dei pulsanti ma perché si sposa con il senso della vista: a ogni pressione esercitata dal dito corrisponde l’illuminarsi della zona circostante il tasto. La temperatura colore della retroilluminazione è scelta in base alla finitura del metallo: alle finiture “aged brass” e “aged bronze”, “brushed brass” e “champagne” è associata un’illuminazione calda (“warm”) a 2700 K, mentre per le finiture “satin nickel”, “bright chrome”, “graphite”, “snow white”, “matte black”, “architectural white” e “brilliant white” viene utilizzata un’illuminazione fredda (“cold”) a 4000 K. Lo status operativo dei pulsanti o degli scenari è indicato dall’intensità della retroilluminazione, configurabile tramite il software HomeWorks.

Il nuovo tastierino Alisse di Lutron è ricavato da una piastra di ottone massiccio spessa poco più di 3 mm, lavorata con macchine a controllo numerico (CNC) e rifinita a mano; splendido il design, che Lutron definisce «senza tempo».

CABLAGGIO DI SICUREZZA A BASSA TENSIONE

Ma ovviamente Alisse non è soltanto estetica e comfort d’uso. Progettata per lavorare con i prodotti della linea Lutron HomeWorks, la nuova tastiera permette di controllare luci, tende e tapparelle, temperatura ambiente e dispositivi di altri marchi; Alisse può lavorare con i processori HomeWorks serie QSX attraverso connessione cablata QS: il produttore specifica che è necessario effettuare un cablaggio a bassa tensione SELV/PELV/NEC di Classe 2 con due coppie di fili schermati e intrecciati da 22 AWG di lunghezza totale non superiore ai 610 metri; la calza schermo non va collegata alla terra né al tastierino (o alla scatola posteriore, se questa è messa a terra). L’aspetto sicurezza, insomma, è tenuto nella massima considerazione. 

Un’altra immagine di Alisse, qui montata su una parete rivestita di tessuto: in questo caso la finitura adottata è la “brushed brass” (BRB) e i tasti sono disposti secondo la configurazione 1 colonna/3 pulsanti; alla finitura “brushed brass” è associata una retroilluminazione calda (“warm”, 2700 K).

Alisse è disponibile in tre diverse configurazioni di pulsanti: a singola, doppia o tripla colonna. Per la versione a singola colonna è possibile scegliere tra la configurazione a uno, due o tre pulsanti, mentre la versione a doppia colonna è disponibile a due, quattro o sei pulsanti; per Alisse a tripla colonna si può scegliere tra le configurazioni a tre, sei, sette o nove pulsanti. Il produttore consiglia, per installare il tastierino perfettamente a filo, di utilizzare scatole posteriori quadrate e senza flangia del tipo Lutron EBB-1-SQ o similari; per applicazioni retrofit o per esigenze particolari si possono anche usare scatole rotonde o quadrate con flangia.

Alisse è disponibile in tre diverse configurazioni di pulsanti: a singola, doppia o tripla colonna. Le configurazioni, a loro volta, possono avere un numero di pulsanti variabile tra 1 e 9; in questa immagine, il tastierino in configurazione 2 colonne/2 pulsanti.

PALLADIOM E L’IMPATTO ESTETICO POSITIVO

Con la tenda roller Palladiom, presentata nell’ottobre 2021, rimaniamo in tema di controllo della luce, ma con una differenza sostanziale rispetto al tastierino Alisse: in questo caso si tratta della luce naturale del sole, non di quella artificiale delle lampade. Altra differenza, mentre Alisse è un dispositivo wired, cablato, Palladiom è un sistema wireless, o meglio “wire-free”, per usare l’espressione del produttore. Quanto al resto, fatte salve le differenze tipologiche tra i due prodotti, Alisse e Pallodiom condividono la medesima filosofia di progetto: estetica e funzionalità indissolubilmente congiunte, minimo impatto sull’arredamento domestico. Anzi, l’impatto c’è eccome, ma è un impatto positivo, che valorizza l’ambiente: «Scoprite una soluzione in cui la meccanica svanisce e l’estetica risplende», recita uno slogan dedicato al Palladiom. Chi ha detto che l’impatto possa soltanto essere negativo o, nella migliore delle ipotesi, nullo (“impatto zero”)? Ci sia consentito di introdurre qui l’impatto ambientale valorizzante o positivo, e scusate se è poca cosa. A fronte di un ingombro verticale del gruppo motore/rullo inferiore a 8 centimetri, Palladiom può coprire finestre di 3,6 x 3,6 metri mettendo in risalto gli interni dell’abitazione e garantendo al contempo il pieno controllo della luce solare. Tutto questo discorso sull’impatto estetico non significa che Lutron sia indifferente all’altro tipo di impatto ambientale, quello ecologico, che oggigiorno sembra diventato il problema dei problemi: nata nel 1961 sui geniali brevetti del fondatore Joel Spira, la casa di Coopersburg (Pennsylvania) stima che solo negli Stati Uniti i suoi prodotti consentano di risparmiare fino a 10 miliardi di kWh di elettricità.

Tre tende Lutron Palladiom, parzialmente alzate, lasciano vedere uno splendido scenario naturale; ciascuna tenda può coprire una finestra di 3,6 x 3,6 metri. Dotata di un motore a bassa tensione (35 V) in corrente continua, Palladiom è silenziosissima: il rumore generato dal meccanismo di apertura/chiusura è inferiore ai 35 dBA.

LA TRADIZIONE DELLE TENDE A BASSO RUMORE

Palladiom raccoglie e nello stesso tempo rilancia una tradizione nata nel 1993, quando Lutron presentò la tenda automatica a basso rumore, un «dispositivo silenzioso come un sussurro, progettato per le case più sofisticate»; il rumore generato dal meccanismo di Palladiom, stando ai dati rilasciati dal produttore, è inferiore ai 35 dBA. Palladiom è costituito da un tubo avvolgitore del diametro di 5,08 cm leggero, rigido e resistente, realizzato in carbonio hi-tech. Il tubo è inserito in una struttura unibody di alluminio da cui sporgono eleganti staffe dalle forme tondeggianti che garantiscono un’ideale integrazione architettonica quale che sia il tipo di montaggio, a soffitto, a parete o sugli stipiti. I terminali (“end bracket”), di forma circolare, sono disponibili in sette finiture diverse, dal bianco puro al bianco opale, dall’anodizzato nero al grafite satinato, passando per l’ottone, l’anodizzato chiaro e il nickel satinato. Nella struttura in alluminio è nascosta tutta l’elettronica, ma le coperture laterali possono aprirsi per dare accesso ai pulsanti di programmazione e ai led di segnalazione. In realtà Palladiom fu presentata già nel 2017 come tenda roller cablata; quella che stiamo descrivendo è la versione “wire-free”, che elimina la necessità di precablaggio. Ciò fa sì che la tenda possa essere installata in qualsiasi momento del ciclo di vita di un’abitazione: «Il nostro obiettivo è fornire ai clienti soluzioni di oscuramento flessibili che combinino una tecnologia superiore con le prestazioni affidabili che gli integratori si aspettano da Lutron», ha dichiarato Sam Chambers, vicepresidente dell’azienda statunitense. «Il sistema di oscuramento Palladiom “wire-free” combina l’estetica incentrata sul design con la semplicità del funzionamento senza fili, rendendo più facile che mai il controllo della luce diurna in qualsiasi abitazione».

Palladiom fu presentata nel 2017 come tenda roller cablata; nell’ottobre 2021 è nata la versione wireless, o meglio “wire-free”, descritta in questo articolo. L’espressione “wire-free” rende bene l’idea della libertà: Palladiom può essere montata in modo pulito e rapido in qualsiasi momento del ciclo di vita di un’abitazione.

  

OTTIMIZZARE L’ENERGIA, ALLINEARE LE “HEMBAR” 

Azionata da un motore a bassa tensione (35 V) in corrente continua, Palladiom si avvale della Active Energy Optimization, una tecnologia in attesa di brevetto che ottimizza il rapporto tra efficienza e densità di potenza delle batterie alcaline prolungandone la durata. Palladiom utilizza un massimo di sei batterie D-Cell (torce), una riserva di energia del 60% inferiore a quella degli altri sistemi di oscuramento Lutron; le batterie durano dai tre ai cinque anni, primato di settore. Al riguardo, Margaret Block, product manager di Lutron, ha dichiarato: «Mantenere il design semplice delle tende Palladiom con un’architettura alimentata a batteria ha richiesto molte innovazioni elettroniche e meccaniche. Il nostro obiettivo era la semplicità sia nel design che nella funzione. Questo include batterie sostituibili nascoste all’interno dell’oscurante ma accessibili in caso di necessità, un’antenna RF integrata per la comunicazione wireless e un azionamento straordinariamente efficiente che può funzionare più a lungo con un minor numero di batterie. Queste caratteristiche riducono al minimo le sfide e le difficoltà per installatori e progettisti». Un’altra soluzione degna di nota (vedi box) è l’Intelligent Hembar Alignment (IHA), un sistema brevettato da Lutron che mantiene l’allineamento della barra d’orlo inferiore (“hembar”) entro un ottavo di pollice (0,31 cm) sia durante il movimento che in ogni posizione di riposo; l’IHA permette di allineare tutte le tende presenti in una stanza, in un’abitazione o in un intero edificio. Palladiom è integrabile nei sistemi HomeWorks e può contare su un ampio supporto di corsi di formazione per gli installatori, di video e presentazioni del prodotto, di campioni di tessuto, finiture ed hembar, oltreché su un tool portatile per le dimostrazioni. Perché una tenda del genere non può, non deve essere utilizzata in modo dilettantesco e approssimativo.

Gammalta Group S.r.l. – Tel. 050/2201042 – www.gammalta.it