D Loft, Dooh.it e Epson: sinergie per la digital communication perfetta

D Loft, Dooh.it e Epson: sinergie per la digital communication perfetta

Nello spazio milanese D Loft, la creatività dei professionisti di Dooh.it offre un ottimo esempio di digital communication attuale e all’avanguardia, avvalendosi della tecnologia di videoproiezione Epson.

Parlando di digital communication, coinvolgere il pubblico creando ambiente interattivi e dinamici, nei quali le persone si sentano parte attiva, è diventato un punto fondamentale di ogni progetto attuale.
Scegliere la tecnologia migliore per supportare i propri progetti è quindi un punto chiave per la loro riuscita e per garantire risultati di grande impatto. Proprio come dimostra il lavoro di Dooh.it, l’azienda torinese che realizza progetti di Comunicazione Digital Out Of Home, disegnando soluzioni interattive e interconnesse e scegliendo Epson come partner insostituibile.

“I videoproiettori Epson – spiega Roberto Vogliolo, CEO di Dooh.it – sono la soluzione ottimale per proiettare video e immagini, a maggior ragione quando lo si vuole fare sulle superfici tridimensionali. A differenza dei monitor, i videoproiettori danno libertà nelle forme, creando più coinvolgimento del pubblico. Le combinazioni possibili sono molte: ad esempio le ambientazioni possono unire il materico e il digitale, ma possono anche essere arricchite da un design di luci e suoni per amplificare l’esperienza e l’effetto scenico delle tecnologie utilizzate.”

Platee da coinvolgere
Fra i progetti curati da Dooh.it con i videoproiettori Epson, ricordiamo il primo allestimento di digital experience realizzato in D Loft, uno spazio B2B a Milano concepito come un teatro digitale dove, grazie al video mapping, è stato possibile creare un’esperienza scenografica unica che trasforma una presentazione aziendale, un evento, o una performance in un viaggio tridimensionale e avvolgente.
Projectors Rock Show invece è un format di video mapping presentato in occasione dell’edizione 2016 della fiera annuale di comunicazione visiva Viscom Italia, all’interno dello spazio Rock Café: su quattro forme geometriche vengono visualizzati altrettanti strumenti musicali (dal basso alle tastiere, dalla chitarra alla batteria) che, suonati da una band ripresa in studio, animano un palcoscenico creativo dove i videoproiettori sono protagonisti del concerto rock on stage e dove il pubblico interviene scegliendo gli strumenti e i brani da ascoltare.

Ottica ultra-corta e laser: l’ideale
Queste soluzioni interattive sono estremamente efficaci per aumentare il coinvolgimento del pubblico che, ormai abituato a interagire con le nuove tecnologie, è incuriosito e stimolato dai video, dalle immagini e dai comandi disponibili che permettono di attivare scenografie e musiche, proprio come davanti a un videogioco.
Tutto ciò è possibile in particolare tramite videoproiettori a ottica ultra-corta come i modelli EB-1430Wi e EB-595Wi, che consentono di proiettare immagini di grandi dimensioni a distanza ravvicinata, riducendo al minimo ombre e riflessi.
Ancora più luminosi sono i videoproiettori laser (quali EB-L1200U, EB-L1405U e EB-L25000U) che offrono immagini di qualità superiore e una definizione straordinaria, con colori che esprimono il massimo realismo. Inoltre, grazie all’assenza di lampada, la manutenzione è ridotta al minimo.

“La sola luminosità non è in grado di dare vita ai colori che si vedono ogni giorno”, ha dichiarato Carla Conca, Sales Manager Visual Instruments di Epson Italia. “Su questo presupposto, la tecnologia Epson 3LCD è stata sviluppata per offrire luminosità e colori realistici e creare immagini vivaci e naturali. Uno degli elementi che ci permettono di ottenere questo risultato è che, grazie alla nostra tecnologia, la luce colorata mostrata dai nostri videoproiettori sia tanto luminosa quanto la luce bianca.”

www.epson.it
www.dooh.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Puoi usare HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*