Came annuncia XVP, il posto videocitofonico esterno per grandi strutture

Came XVP

 

Came presenta il prodotto di videocitofonia XVP, posto esterno con finitura in vetro, connettività IP e display touch-screen da 7” con tecnologia optical bonding

 

Came presenta il prodotto di videocitofonia XVP, primo posto esterno di fascia alta del mercato con finitura in vetro, connettività IP che garantisce accesso e gestione da remoto, display touch-screen da 7” con tecnologia optical bonding e materiali che resistono a temperature estreme.

 

Came videocitofono esterno

 

il nuovo posto esterno videocitofonico IP360 combina tecnologia d’avanguardia con il caratteristico design esclusivo italiano ed è il primo posto esterno di fascia alta con superficie completamente in vetro temperato ad essere introdotto sul mercato. XVP di Came è dotato di un display touch da 7” e tecnologia optical bonding, che garantisce la riduzione dei riflessi di luce, l’eliminazione dell’appannamento e una eccezionale sensibilità, maggior robustezza e ottima resistenza alle temperature estreme. I materiali con cui è realizzato, infatti, garantiscono che possa essere installato anche in ambienti con temperature che variano dai -40° ai +50° C. Il suo design elegante e raffinato nasconde un’anima coriacea e affidabile, garantita dalle certificazioni di resistenza agli urti (IK08) e alla penetrazione di liquidi e polveri (IP55). La tecnologia IP, inoltre, consente l’accessibilità e la gestione del sistema da remoto, per un controllo 24 ore su 24 in totale sicurezza.

 

XVP citofono esterno Came

 

L’interfaccia è personalizzabile per soddisfare tutti i requisiti specifici, una funzionalità che risulta molto utile sia per le proprietà residenziali private che per gli spazi con uffici. È possibile, infatti, personalizzare l’home page e lo screen saver per il risparmio energetico e utilizzare immagini, loghi e messaggi di benvenuto o qualsiasi altra informazione (orari, informazioni di emergenza, direzioni). Una luce circolare composta da 30 LED posizionata intorno alla telecamera –con una risoluzione da 1,3 MP – permette di illuminare chiaramente la persona o l’oggetto di notte o in condizioni di scarsa visibilità (come in caso di nebbia) e funge anche da luce di cortesia quando il pannello è in standby. Il sensore di prossimità, invece, rileva la presenza entro un metro di distanza e attiva immediatamente il menu di XVP. La telecamera ha un ampio campo visivo che permette di catturare persone e oggetti al di fuori del normale raggio d’azione, identificando in questo modo anche bambini e ospiti diversamente abili. Operando come dispositivo di videosorveglianza, inoltre, permette di visualizzare le immagini in streaming multimediale H24, 7 giorni a settimana, con la possibilità di registrarle tramite sistemi TVCC o software di gestione di terze parti.

 

Came XVP lettore badge

 

Il sistema audio-visivo del nuovo XVP è stato sviluppato con particolare attenzione anche per gli utenti con deficit di vista o udito: la sintesi vocale integrata scandisce le informazioni essenziali ed è disponibile in 12 lingue, i pittogrammi visualizzati sul display sono universalmente riconoscibili e il sistema integrato a induzione magnetica trasmette il suono affinché possa essere percepito anche dai portatori di apparecchio acustico. Le chiamate al derivato interno possono essere gestite tramite il classico elenco contatti o attraverso opzioni personalizzabili: per gli edifici più complessi e di grandi dimensioni, è possibile la visualizzazione a gruppi (suddivisione di una lista di interni in base ai piani o ad altre specificità) o a blocchi con codice di chiamata (raffigurazione di una tastiera virtuale dove si potrà inserire un codice alfanumerico), mentre per quelli più contenuti si ha l’opzione pulsanti virtuali che consente di emulare una pulsantiera con pulsanti di chiamata fisici.

 

Infine, non manca la funzione di controllo degli accessi: Came XVP è infatti dotato di un alloggiamento per poter inserire un lettore RFID per schede di identificazione a radiofrequenza sia proprietario che di terze parti per una più facile integrabilità con sistemi di controllo accessi. Inoltre, l’app di CAME “AutomationBT” per smartphone Android e iOS consente ai visitatori di accedere senza necessità di utilizzare tessere, transponder o codici di accesso, e senza nemmeno dover tirare fuori dalla tasca lo smartphone, permettendo l’accesso automatico e touchless grazie alla tecnologia Bluetooth.

 

www.came.com